Petra: un diario per rincominciare

“Le ho sussurrato che avevo bisogno di piangere, ma che non l’avrei mai fatto versando lacrime. Non so come, ma Rosetta mi ha capito. Ha rovistato in un armadietto e mi ha regalato una vecchia agenda sponsorizzata da un’agenzia farmaceutica.”

In sintesi

Titolo: Ogni giorno come il primo giorno
Autore: Giorgia Penzo
Data di pubbl.: 2018
Casa Editrice: Editrice Nord
Pagine: 358

La storia di come Petra è tornata a sorridere alla vita


“Il diario di Rosetta ha davvero qualcosa di te, Cloe. Perché anche se non posso più avvertire il peso dolce delle tue braccia intorno al collo, le pagine bianche che a poco a poco riempio mi stringono con la promessa di farmi stare meglio.”

Un diario per iniziare nuovamente a vivere e raccontare, giorno dopo giorno, la sua vita senza sua sorella.
Petra e Cloe erano quasi due opposti, scontrosa, insicura e ribelle la maggiore, solare e amabile la minore, eppure unite da un legame indissolubile.
Rimasta sola, Petra fa una promessa alla sua sorellina, vivrà anche per lei (niente più alcool e droghe, niente più feste sfrenate, niente più brutti voti a scuola). Mantenerla, però, non è facile, non quando la propria famiglia cade in pezzi e il mondo non fa che darle dell’assassina (perché è lei che guidava quel giorno, è lei che non ha frenato, è lei che si è salvata).
Ma la nostra protagonista non si arrende, anzi, si rimbocca le maniche e con l’aiuto di Lore, una compagna di classe scozzese arrivata in Italia per uno scambio culturale e diventata la sua migliore amica, e Dario, uno studente universitario che le dà lezioni di matematica in vista dell’esame di maturità, affronta un percorso di rinascita.
Ma Dario non è solo questo per la ragazza, no

“Dario è un asteroide fatto di matematica e cani che orbita nella mia galassia, dove io sono una minuscola stella. Finché posso seguo la sua scia, brillo per lui, scordo di essere sola. Poi, quando il tempo a nostra disposizione è concluso, ripiombo nel buio fino al suo ritorno.”

Peccato che anche lui abbia un passato difficile alle spalle, passato che quando torna mette in discussione tutti i progressi fatti da Petra fino a quel momento…

Una storia che toglie il fiato

Ogni giorno come il primo giorno era nella mia libreria già da un po’, ma non l’avevo mai preso in mano davvero fino a poco tempo fa e sono davvero felice di averlo fatto.
Ho amato ogni singolo dettaglio di questo diario.
Sì, avete capito bene. La vicenda, infatti è raccontata come se Petra, la protagonista, stesse scrivendo il suo diario e parte da un Lunedì 1° Gennaio, per concludersi esattamente il 31 Dicembre dell stesso anno.
E ho adorato questa cosa perché mi è parso di star vivendo ogni singolo attimo assieme a lei.
Altro punto, secondo me, di forza di questo romanzo è la musica.
Alla morte della sorella, Petra si prende il suo iPod e ascolta a ripetizione la musica che Cloe ha sempre amato. Ad ogni capitolo il lettore scopre una canzone di tale playlist.
Ed è stata un’esperienza unica leggere accompagnati dalle note di tali canzoni.
Davvero una splendida lettura!

UN’autrice dall’anima incastrata nel passato

Giorgia Penzo, emiliana, ha l’anima un po’ incastrata nel passato. Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco, lei non vorrebbe indossare altro. Ama il cinema (dove va almeno una volta a settimana), i giochi di ruolo, la mitologia, l’Art Nouveau, divorare biografie di personaggi storici femminili e scappare a Parigi alla prima occasione. 
Nel marzo del 2017 esce per CartaCanta il suo Ritratto di dama.Di giugno del 2018 è Ogni giorno come il primo giorno, per Nord.

Un pensiero riguardo “Petra: un diario per rincominciare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...